Accesso
Verifiche avviate

Il GSE nel 2019 ha avviato 1.939 procedimenti di controllo, di cui 1.791 con sopralluogo e 148 con verifiche documentali.

Gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili sottoposti a controllo sono stati 1.446 per una potenza complessivamente verificata pari a 1.764 MW.

Verifiche concluse

Nel 2019 il GSE ha concluso 7.306 procedimenti di verifica (1.503 eseguiti mediante sopralluogo e 5.803 mediante verifica documentale) con un incremento di circa il 20% rispetto all’anno precedente. Le conclusioni sono così suddivise:

  • FER e FTV: 1.279, i cui esiti sono così ripartiti:
    • positivo: 904;
    • parzialmente negativo: 204;
    • negativo: 171;
  • CB: 5.425, i cui esiti sono così ripartiti:
    • positivo: 168;
    • parzialmente negativo: 8;
    • negativo: 5.249;
  • CT: 471, i cui esiti sono così ripartiti:
    • positivo: 245;
    • parzialmente negativo: 40;
    • negativo: 186;
  • CAR: 131, i cui esiti sono così ripartiti:
    • positivo: 65;
    • parzialmente negativo: 64;
    • negativo: 2.
Violazioni accertate

Nelle attività di controllo effettuate nel 2019 il GSE ha accertato 6.052 violazioni, 5.483 nell’ambito degli interventi di efficienza energetica di cui ai meccanismi del Conto Termico e dei Certificati Bianchi, 425 per impianti fotovoltaici, 103 per impianti CAR e CHP+TLR, 41 per impianti IAFR/FER. Nessuna violazione è stata riscontrata per impianti CIP6/92.

Nella pagina di approfondimento sulle violazioni accertate è indicata la tipologia di violazione, ma è bene precisare che il numero delle violazioni riscontrate non coincide con il numero dei procedimenti conclusi con esito negativo. In alcuni casi, infatti, sullo stesso impianto/intervento sono state rilevate una pluralità di violazioni, alcune delle quali non hanno comportato il venir meno del diritto agli incentivi ma la sola rideterminazione del valore dell’incentivo effettivamente spettante o della durata del periodo di incentivazione (cd. esito parzialmente negativo).